Il 4×4 Fest di Carrara è da sempre il più importante appuntamento per il fuoristradismo nazionale, ed è anche la principale vetrina dove le aziende che producono e/o commercializzano veicoli e accessori presentano le ultime novità, oltre naturalmente alla gamma già in catalogo. L’edizione 2019 non ha fatto eccezione, proponendo svariati prodotti inediti per il diporto e per il lavoro. Eccovi una carrellata delle novità che abbiamo trovato negli stand, insieme alle interessanti nuove iniziative messe in campo dall’organizzazione del 4×4 Fest.

Testo di Francesco Fatichenti – Foto di Matteo Marinelli

Sherp

È il veicolo che ha incuriosito più di tutti questo fuoristrada 4×4 anfibio dalla mobilità impressionante. Ideato per spedizioni di ricerca scientifiche in luoghi inaccessibili, tra gli optional ha 4 serbatoi supplementari ricavati nei cerchi che assicurano 2.000 km di autonomia. Costruito in Ucraina su brevetto russo, viene importato in Italia da Laurini Officine Meccaniche di Busseto (Parma) ha la carrozzeria in alluminio (disponibile in versione pick up o chiusa) ed è spinto da un motore diesel Kubota di 1.5 litri che consuma 3 litri all’ora, accoppiato ad un cambio manuale a 5 rapporti. Lo sterzo si aziona con due leve come un bobcat. Raggiunge la velocità massima di 40 km/h su strada e 6 km/h in acqua. Può ospitare da 6 a 9 passeggeri, con i quali riesce ancora a galleggiare. Pesa 1.600 kg a vuoto, è lungo 3,4 metri, largo e alto 2,52 metri. Al contrario di quel che può sembrare vedendo l’altezza, vanta un baricentro bassissimo grazie alla meccanica posizionata al di sotto dell’ingombro delle ruote. Supera pendenze longitudinali di 45° e laterali di 36°. Costa 95.000 euro, e può essere equipaggiato con vari accessori optional (condizionatore aria, riscaldatore abitacolo Webasto, verricelli, lama spazzaneve ecc.).

<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>

Mitsubishi

Abilmente ristilizzata nel look, soprattutto della parte frontale, la sesta generazione del popolarissimo pick up giapponese è spinta da un nuovo motore 2.2 diesel da 150 CV e 400 Nm di coppia massima. Può essere associato a un cambio manuale e ad un automatico, entrambi a 6 rapporti. I consumi dichiarati sono di 7,5 (manuale) e 7,8 (automatico) litri ogni 100 km. Il 2.2, rispettoso dello standard di emissioni Euro 6d-Temp, si serve di un serbatoio AD-Blue da 21 litri la cui durata prevista dalla casa è di 21.000 km. Le versioni meno accessoriate hanno la trazione 4×4 inseribile, quelle più ricche hanno il sistema Super Select 4WD-II che permette di scegliere se marciare a due ruote motrici o con le 4×4 permanenti anche su asfalto. In più ora ci sono la possibilità di selezionare la modalità di guida off road (ghiaia, sabbia, fango/neve, roccia) e l’Hill Descent Control (ovvero la discesa a velocità controllata). Anche l’interno è stato aggiornato, dotandolo tra l’altro di un sistema di infotainment con schermo da 7”. Il cassone della versione a doppia cabina misura 1,520 x 1,470 metri ed ha una portata di poco meno di una tonnellata. Il listino prezzi parte da 30.950 euro.

Suzuki

Suzuki ha proposto nel suo stand un’ampia esposizione della gamma, dalla Ignis alla Vitara fino alla Jimny, presente anche in due configurazioni particolari: un esemplare della serie limitata Gan, realizzata in collaborazione con la reggiana Z.Mode, caratterizzata da assetto rialzato di 3”, pneumatici maggiorati, alberi di trasmissione rinforzati, livrea esclusiva; un altro esemplare era contraddistinto dalla livrea blu del Team Suzuki ECSTAR, che fa correre le GSX-RR ufficiali di Alex Rins e Joan Mir nel Campionato del Mondo della MotoGP.

4Technique

L’azienda modenese ha presentato in anteprima europea la nuova gamma di verricelli “entry level” della Warn, denominata VR Evo, che sostituisce la gamma Tabor. Il VR Evo, disponibile da 8.000, 10.000 e 12.000 libbre e con cavo in acciaio o tessile, ha un look simile al modello Zeon e presenta varie migliorìe funzionali come il telecomando 2-in-1 (cavo e wireless), una carcassa impermeabile IP68 (lavora anche sotto un metro d’acqua) e uscita dei cavi dalla parte posteriore della scatola dei solenoidi. Ridotto l’assorbimento massimo: 320 ampère.
Altra novità è il sistema per fissare un verricello elettrico (in questo caso un Warn DC2000 da 900 kg) sul cassone dei pick up, amovibile e che non riduce il volume di carico a livello del pianale del cassone. Per agevolare il carico sul cassone dei pick up si può optare anche per la gru pieghevole e portatile, provvista di verricello manuale della Al-Ko.
Ancora per i pick up, la sudafricana RSI propone soluzioni interessanti per la parte posteriore: un hard top in acciaio, leggero ma con portata di 400 kg, molto ben rifinito, e un modulo completo che sostituisce il cassone, con ampio vano di carico piatto e numerosi gavoni, facilmente trasformabile in cassone con sponde.
Da segnalare anche il Bed Slide della gamma Upracks, un pianale scorrevole su 6 cuscinetti, con portata di 600 kg a sbalzo, modulare per poter essere montato sui pick up sia a cabina estesa che doppia.
In tema di Jeep 4Technique propone una serie di accessori per la Wrangler JL, come i paraurti della Warn e della ARB, oltre all’assetto rialzato, che a breve saranno anche omologabili, ed anche il portapacchi Upracks Back-Bone specifico per la JL, con attacchi migliorati e rinforzati per l’hard top (che vanno a fissarsi ad una struttura d’acciaio interna all’abitacolo).

Rock’s 4×4

L’azienda romana specializzata nella produzione di accessori per Jeep ha presentato la gamma di accessori per la Jeep Wrangler JL, che comprende anche il nuovo paraurti Challenger in acciaio, caratterizzato da una linea più morbida rispetto allo Stealth, dotato di porta verricello e porta targa che nasconde la bocca guida cavo. È in arrivo anche il paraurti posteriore. Tutti gli accessori per il JK ora sono omologabili, inclusi i pneumatici da 37”. Molto intelligente e pratico il portatarga posteriore scorrevole verso l’alto, all’interno della sagoma del paraurti, per evitare di danneggiare la targa durante la marcia fuoristrada. Altra novità, ora Rock’s 4×4 costruisce in proprio la gamma di ammortizzatori, a gas e regolabili, prodotti anche in versione con serbatoio esterno. Naturalmente era esposta anche tutta la ben collaudata gamma di accessori per la Wrangler JK.

Totani

Nello stand del preparatore aquilano spiccava il nuovissimo Mitsubishi L200 già allestito con assetto rialzato di 5 cm, cerchi da 16 o 17 pollici, pneumatici maggiorati, piastre di protezione inferiori che arrivano a coprire anche il riduttore e kit di installazione per il verricello anteriore. Tutte queste modifiche sono omologabili.
Immancabile la nuova Suzuki Jimny, allestita con assetto rialzato da 5 cm omologato (prevede solo molle e ammortizzatori), cerchi e pneumatici maggiorati omologati, nuovi cerchi Braid di tutti i colori, nuovo portapacchi. A breve arriverà anche il set di piastre di protezione inferiori Duralblock.
Non mancavano esempi di elaborazioni più spinte che Totani continua a fare sui vecchi modelli di fuoristrada e la serie 70 di nuova produzione delle Toyota Land Cruiser, importata in Italia con motore a benzina 4.0 V6 da 220 cavalli (Euro 6).

<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>

Raptor 4×4

Il produttore ligure ha proposto i paraurti anteriore e posteriore rinforzati, in acciaio, per la nuova Suzuki Jimny, la cui linea è ripresa dal modello ST realizzato per la Defender e la Toyota 90. Decisamente robusto, ha il supporto per il verricello, i fari supplementari incassati e si raccorda alla slitta paratiranteria in alluminio da 5 mm. Sempre per la Jimny sono disponibili le protezioni sottoporta in acciaio spesso 4 mm, con attacchi al telaio. Da notare anche la piastra che protegge il terminale di scarico e funge da scivolo sugli ostacoli. Per la piccola 4×4 giapponese sono disponibili anche l’assetto rialzato di 5 cm (include molle, ammortizzatori monotubo a gas, puntoni angolati e protezione degli attacchi al telaio) e il portapacchi modulare (si può adattare anche a Defender e Nissan Patrol GR). Riproposta anche la gamma completa di accessori per la Toyota serie 90, per l’occasione allestita da campeggio con tenda da tetto, veranda, tendalino e altri accessori per l’outdoor, anch’essi commercializzati da Raptor 4×4.
Novità anche in tema dei pneumatici, con nuove misure disponibili e omologazione europea per l’uso stradale di tutti i modelli commercializzati, anche quelli per l’off road estremo.

Yokohama

Al 4×4 Fest la casa giapponese ha presentato al mercato italiano il nuovo modello di pneumatico off road Geolandar X-MT G005, studiato per il fuoristrada estremo. Molto robusto, e quindi longevo, ha un disegno che ricorda un terreno roccioso e che, oltre ad avere una valenza tecnica, rende anche il look molto appetibile. Il battistrada simmetrico, caratterizzato da un elevato rapporto vuoti/pieni, assicura l’espulsione di fango e detriti ed è così robusto da contrastare al contempo strappi e danni dovuti agli urti. L’efficacia di questo disegno aggressivo si può apprezzare anche su terreni bagnati poiché le piccole lamelle disposte sui tasselli aumentano la tenuta anche su superfici scivolose. La tassellatura del battistrada continua, ed è ben visibile, anche sulla spalla e sul fianco, conferendo alla vista laterale del prodotto un aspetto sportivo ed attraente, oltre a risultare molto solida e capace di incrementare le prestazioni del pneumatico. Contrassegnato dalla sigla “POR” (Professional Off Road), che ne permette l’utilizzo legale su strada (a patto di non superare la velocità massima raggiungibile dal pneumatico), è proposto in varie misure comprese tra 17” e 20”. Nonostante il disegno molto aperto e tassellato, Geolandar X-MT G005 salvaguarda anche la rumorosità.

XQuattro

Il costruttore e preparatore piemontese specialista di Jeep ha presentato il suo nuovo marchio di accessori Anteloff, dedicato all’allestimento della Wrangler JL. La gamma include paraurti anteriore e posteriore a uso gravoso con supporto verricello, assetto rialzato di 2” con ammortizzatori a gas Teraflex Falcon, pedane sottoporta tubolari (realizzate in due versioni) e molto altro. Strabiliante la JL Unlimited equipaggiata con motore 6.2 V8 Hellcat sovralimentato con compressore volumetrico, di derivazione Grand Cherokee SRT, con ben 707 cavalli. Omologata come esemplare unico, ha l’assetto rialzato con long arm e ammortizzatori King coilover.

Rothen Oil

Il noto produttore di additivi per lubrificanti ha presentato l’ultima novità, denominata GT3 Evo, un’evoluzione della gamma prodotti dedicata ai veicoli 4×4, un prodotto specifico per i motori usurati che permette di ridurre drasticamente il consumo di olio, i trafilamenti e la fumosità che si vengono a creare appunto nei motori molto sfruttati. Questo additivo dà all’olio presente nel motore la possibilità di mantenere nel tempo la giusta densità e le proprie qualità, migliorando la compressione del motore. Nello stand era presente al gran completo il Red Team, la squadra corse sponsorizzata da Rothen che quest’anno è arrivata a contare cinque veicoli e altrettanti equipaggi impegnati in competizioni di fuoristrada estremo sia in Italia che all’estero.

Garmin

L’ultima novità di Garmin è Overlander, il navigatore pensato per l’off road. Robusto e dotato di un display touchscreen a colori da 7 pollici, è precaricato, oltre che con la cartografia stradale, con le mappe topografiche dettagliate di Europa, Medio Oriente e di gran parte dell’Africa, oltre che con i punti d’interesse (POI) iOverlander, ACSI, Campercontact e Trailer’s Park che consentono di trovare campeggi e aree di sosta, anche remoti, senza necessità del segnale di uno smartphone. Overlander include l‘inclinometro, la bussola, l’altimetro e il barometro per consentire di navigare anche sui percorsi più difficili. Una batteria ricaricabile integrata consente di sganciarlo dal veicolo e portarlo con sé.

HM 4×4

Il produttore di accessori siciliano ha iniziato a commercializzare, tra gli altri, i prodotti della sudafricana Front Runner, allargando la gamma prodotti ad un partner scelto perché vanta la stessa qualità costruttiva dell’azienda siciliana. La nuova Suzuki Jimny è stata protagonista nello stand di quest’anno, preparata con un assetto Step 3 +8 cm, comprensivo di puntoni e barra Panhard, e inoltre con body lift, piastre di protezione per serbatoio, riduttore e canister, scarico inox Supersprint, portapacchi Front Runner, cerchi in lega Evo Corse, pneumatici maggiorati, verricello da 4.500 libbre posto dietro al paraurti originale (come il posteriore, entrambi adattati per il body lift), omologabile. Tutte le modifiche sono reversibili. Altra novità dell’azienda siciliana è l’avvìo della produzione in proprio degli ammortizzatori.

Osram Automotive

Alla sua prima partecipazione al 4×4 Fest Osram Italia ha presentato i fari e le barre a LED omologati come luci addizionali (abbaglianti), quindi utilizzabili anche su strada, un prodotto innovativo e dal design accattivante, che punta tutto sulla qualità e sulla performance, entrambe molto elevate. Sono disponibili in 3 configurazioni (funzionale, multifunzione e sottile) per tutti i veicoli a 12 e a 24 volt. Una particolarità è che l’effetto luminoso è dato dalla rifrazione dei LED presenti nella parte superiore o inferiore del faro, il che permette di gestire in modo molto efficace l’angolo di apertura della luce. Bello anche il gruppo ottico del Volkswagen Amarok presente nello stand, un Full LED omologato che rappresenta un ottimo upgrade.

Z.Mode

Il produttore e preparatore reggiano era presente al 4×4 Fest con ben 6 Suzuki Jimny preparati a vari livelli, dall’assetto 2” dedicato alle ragazze di Rosa Integrale fino alla novità del 5” Full Edition, con pneumatici da 31”, capace di un’escursione posteriore di ben 77 cm. Naturalmente tutti i componenti delle sospensioni (molle, ammortizzatori, puntoni, barra Panhard) sono stati sostituiti con nuovi elementi, così come nuovi sono gli alberi di trasmissione rinforzati. Tra l’altro è stato necessario adottare un ammortizzatore di sterzo maggiorato. Altre novità sono lo scarico completo in acciaio inox, dal collettore al terminale, che migliora prestazioni e sound del motore rimanendo comunque entro il limite legale, le protezioni per gli attacchi dei puntoni (in acciaio inox), la piastra di protezione del riduttore in alluminio da 8 mm di forma triangolare, il supporto verricello integrato nel paraurti anteriore originale (l’unica modifica omologata su questa versione rialzata di 5”), il portapacchi in alluminio dotato di 6 piedi in acciaio e barra a LED integrata, con portata di circa 80 kg.

Ramingo 4×4

Oltre all’ampia gamma di accessori proposti, quest’anno a catalizzare l’attenzione di chi passava dallo stand dell’azienda varesina è stato un Mercedes Sprinter 418 CDI 4×4 con marce ridotte e differenziale centrale bloccabile che è stato allestito con un paraurti in acciaio rinforzato (derivato da un paraurti a uso gravoso per il Nissan Patrol GR) che supporta un verricello elettrico, snorkel, fari a LED, distanziali ruote e pneumatici maggiorati da fango, sedili sportivi, camperizzazione interna completa.
Molto accattivante anche il Patrol GR Y61 con motore BMW M57 3.0 turbodiesel (per cui è disponibile il kit completo per facilitare il trapianto) e assetto rialzato di 4” della SuperFlex, nuovi fari crystal con doppie lenti circolari, paraurti anteriore e posteriore AFN, verricello anteriore a 2 velocità, mascherina in acciaio inox personalizzata. Non mancava una nuova Jimny con nuovissimi accessori come i paraurti anteriori (di cui sono disponibili due modelli, entrambi con supporto verricello), assetto +5 cm, pneumatici 235/75 R 15 su cerchi 7×15 ET -10, barre sottoporta a doppio tubo, portapacchi a vasca molto robusto, scaletta posteriore (montabile senza dover fare fori).

Evo Corse

L’azienda veneta, specializzata in cerchi 100% made in Italy, ha partecipato forte della vittoria alla Dakar 2019 con il team Toyota ufficiale. Un traguardo straordinario e fortemente cercato da Luca Meneghetti, direttore generale dell’azienda, che ha visto ben 4 delle prime 10 auto classificatesi alla Dakar utilizzare i cerchi DakarCorse, di propria produzione. Al 4×4 Fest Evo Corse ha presentato il cerchio da 18” della linea DakarZero, che è la versione a basso ET di DakarCorse.

Trasmec

La specialista varesina di trasmissioni meccaniche, dai veicoli stradali ai macchinari industriali, inclusi tutti i fuoristrada 4×4, ha presentato la sua ultima novità per il settore off road, gli alberi rinforzati specifici per la nuova Suzuki Jimny con assetto rialzato fino a 10 cm, caratterizzati dalla parte verso il riduttore rastremata per evitare di andare a toccare la traversa del telaio a X in fase di estensione dei ponti.

S2 Motor Sport

L’azienda di Spigno Monferrato (Alessandria) si è specializzata nel creare Land Rover Defender su misura, completamente o parzialmente restaurate e/o personalizzate su specifiche del cliente. Nello stand erano esposte tre Defender con differenti tipi di allestimento, dallo stradale elegante (con l’abitacolo rivestito di ecopelle) alla preparazione per il viaggio fino all’off road estremo. Da segnalare anche le elaborazioni dei motori 300 e Td5 con turbina a geometria variabile.

<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>

Italgiunti

Questa rinomata azienda torinese opera con successo da più di 40 anni nel settore della realizzazione di giunti cardanici per la trasmissione del moto di qualità di tutti i settori, incluso ovviamente quello dei veicoli fuoristrada. La sua specialità è la realizzazione del gambo senza saldature, per evitare punti di rottura. Nello stand erano esposti i vari tipi di alberi realizzabili, per tutti i 4×4, dai semplici rinforzati ai doppia-doppia crociera, passando per le crociere singole grandangolo. Tutto realizzabile su misura.

M.DI. 4×4

Lo jesino Massimiliano Latini realizza in proprio una gamma di accessori per Land Rover studiati sulla base della sua esperienza di appassionato fuoristradista, di ottima qualità e ad un giusto prezzo. Al 4×4 Fest ha presentato la sua ultima novità, il prototipo di un paraurti anteriore rinforzato in acciaio per la Toyota serie 90.

Race4Tech

Grazie alla decennale ricerca e collaborazione con i più quotati team nazionali di fuoristrada estremo l’azienda reggiana ha messo a punto e propone una serie di prodotti dedicati al settore delle competizioni, sia off road che su pista, oltre ad un servizio di assistenza per consigliarvi al meglio sulla scelta degli uniball, particolari semplici ma fondamentali nelle gare. Al 4×4 Fest ha riproposto i suoi kit di sospensioni “estremi” a 3 e a 4 link, oltre ai puntoni anteriori rinforzati e regolabili per le Jeep Wrangler JK e JL.

Almont 4WD

L’azienda spagnola è specializzata nella fabbricazione di piastre di protezione, paraurti e componenti per i fuoristrada 4×4. I suoi prodotti sono di qualità elevata, grazie all’utilizzo dei migliori materiali (come il duralluminio H111), e di ottima fattura.

British Garage

Quest’azienda polacca è specializzata nella vendita di ricambi originali, riparazione e assistenza di fuoristrada britannici classici e contemporanei, e propone anche esemplari di Land Rover Defender completamente restaurati, pari al nuovo. Hanno attirato l’attenzione del pubblico in particolare i telai heavy duty e zincati per tutte le Defender, i ponti rinforzati e le cascate di ingranaggi per trasformare a portale gli assali.

Full Dip

Distribuita in Italia da Sophisticauto, Full Dip è una vernice completamente rimovibile (sia in formato spray da 400 ml che in latta da 4 litri) che permette di ottenere finiture simili al vinile (wrapping). Si può rimuovere facilmente spellicolandola come un adesivo. Può essere utilizzata come protettivo o come colore per qualsiasi superficie.

Ullstein Concepts

L’azienda tedesca propone tra l’altro i pianali estraibili Works per pick up e gli accessori del marchio TJM Australia per l’equipaggiamento overland (tende da tetto, assetti, verricelli ed altri accessori specifici).

Trayon Campers Europe

L’azienda svizzera commercializza in Europa i moduli di camperizzazione australiani da applicare sui pianali tipo tray back dei pick up.

Hero Camper

La torinese Allcar importa i camper trailer della Hero Camper, disponibili in due modelli: Hero Ranger e Hero Traveller. Due prodotti ideali per chi ama le vacanze in libertà, per gli appassionati degli sport all’aria aperta, al mare o in montagna, personalizzabili con numerosi optional e grafiche accattivanti.

<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>

Rismauto

Specializzata nella vendita e nell’allestimento di fuoristrada, l’azienda fiorentina ha esposto un’ulteriore evoluzione della sua Suzuki Jimny Ranger, un allestimento ora dotato di assetto rialzato (con ammortizzatori Koni) e di sedili e altri dettagli dell’abitacolo rivestiti di pelle.

N4 Off Road

Quest’azienda francese produce una vasta gamma di accessori per fuoristrada, in particolare paraurti e piastre di protezione inferiori in alluminio.

Rimani aggiornato sul mondo 4x4!