Il Leopard4x4 oggi è un club che organizza tante attività durante l’anno per i propri soci e partecipa attivamente alle attività della Federazione Italiana Fuoristrada, ma l’evento di punta è e rimane il Raduno Nazionale Delle Colline Pistoiesi.

#RNCP, come ora viene siglato il Raduno, nasce nel lontano 1981 anche anno zero del Leopard 4×4; infatti entrambi vedono la loro nascita nello stesso anno. Dal I° Raduno Nazionale delle Colline Pistoiesi ad oggi sono passati tanti anni, ma non ha mai smesso di affascinare i fuoristradisti di tutta Italia ed è un evento molto sentito all’interno del club stesso.

L’evento già agli esordi contava due tipologie di percorso: uno Medio e uno Difficile e si estendeva per tutta la Provincia di Pistoia. Il Raduno Nazionale delle Colline Pistoiesi di anno in anno ruotava il suo svolgimento tra quattro location sul territorio delle provincia di Pistoia: Valle del VincioZona RiolaZona Chianti Sud e Zona Piteglio. Con la nascita di nuovi club fu deciso di suddividere il territorio e quindi oggi #RNCP viene svolto principalmente nel comprensorio tra Montale e Piteglio, rispettivamente i confini est ed ovest della provincia di Pistoia, in modo da mantenere le vesti del passato con la grande varietà di scenari e al contempo dare modo ai club vicini di ricavare i propri spazi.

Il “Tubo” è sicuramente il fiore all’occhiello del raduno odierno, è la “prova” che molti, anche da fuori, vengono a testare e vedere di anno in anno ed è composta da due gradini molto ravvicinati fra loro che mettono a dura prova i partecipanti. Il suo nome non deriva dalla sua conformazione ma da un fatto curioso: il comune creò questa strada per costruire un acquedotto, e su questa strada affiorava un tubo di ferro, particolare che veniva utilizzato per identificare “la strada dove c’è il tubo” che si è poi estesa fino a dare il nome alla “prova” che seppure a due chilometri di distanza è conosciuta con il nome “Il Tubo”.

Il “Tubo” nelle vecchie edizioni non è sempre stato la “number one”, in passato vi è stato il “cimitero di Valdibure” che si estendeva per tre chilometri, ma che oggi non esiste più perché purtroppo, per esigenze di viabilità comunale fu ristrutturata. Chi ha una storia ventennale di fuoristrada si ricorderà la bellezza dell’affrontarlo. Il Raduno Nazionale delle Colline Pistoiesi si svolge interamente in percorsi non preparati e gli agenti atmosferici contribuiscono a far mutare ogni anno le varie strade: un esempio è “Lo Scansa Tubo”, che nacque dall’esigenza di scansare appunto “Il Tubo” ed un tempo era uno scalino di lieve difficoltà, ma oggi è una della varianti più ostiche del percorso medio ed ha portato all’esigenza di trovare un’ulteriore strada definita “scansa tubino” per scansare appunto sia “Il Tubo” che “Lo Scansa Tubo”.

Altra menzione importante va fatta sicuramente alla “Variante di Piero” che regala sempre delle belle emozioni ed è anch’essa una variante del medio. Mentre un altro passaggio impegnativo, che fa parte del percorso Difficile è la “Fossa Al Lupo“, meno conosciuta, ma molto impegnativa.

L’appuntamento è confermato per domenica 10 novembre alle ore 8.00 presso la Coop di Agliana (Pistoia).

<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>

Rimani aggiornato sul mondo 4x4!