<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>

Il club che non c’era ed oggi c’è: è questo lo slogan dell’associazione che riunisce i possessori della nuova Land Rover Defender, una vettura così tecnologica e trasversale che ha bisogno di essere conosciuta a fondo per poterla apprezzare e vivere appieno

Testo di Francesco Fatichenti – Foto di Francesco Salvaggio (Franckreporter)

“È innegabile che Land Rover, con l’introduzione della nuova Defender, sta scrivendo una nuova storia. Si tratta di un’auto che riesce ad incarnare i più diversi stili di vita, ad incrociare un vastissimo pubblico grazie al suo stile, alle sue caratteristiche tecniche, alle sue capacità, alla tecnologia. Il possessore della nuova Defender non è più solo l’appassionato di off road, bensì una persona che vuole rendere trasversale l’utilizzo del proprio veicolo”.

È con questa premessa, riportata nella brochure di presentazione, che lo scorso gennaio è nato il New Defender Best Club Italia, la prima associazione nel nostro Paese dedicata al più iconico fuoristrada della Casa britannica. Il sodalizio è affiliato alla Federazione Italiana Fuoristrada.

L’idea di fondare il club è venuta ad Antonio Finocchi, imprenditore abruzzese che si occupa di strategie aziendali e che, dopo aver partecipato ad un raduno FIF a Pescara con la sua Defender, ha sentito il bisogno di colmare un vuoto.

Antonio Finocchi

Antonio attualmente possiede una Defender 110. È un landroverista già da 13 anni, ma la nuova Defender è la prima che gli ha fatto scattare una vera e propria passione.

“Quando mi sono stancato della Discovery 4, ho valutato in primis la Discovery 5, che però non mi è piaciuta” dice Antonio. “Quindi sono andato a vedere la Defender e il giorno stesso l’ho vista, provata e acquistata. Defender è un’icona, una vettura che ha un’immagine fortissima nell’immaginario collettivo. Da bambini noi maschietti più o meno tutti abbiamo avuto una Defender classica nella collezione dei modellini. Io però sono più amante della tecnologia che della meccanica, sicché la nuova Defender mi ha conquistato per il superbo connubio tra linea e guidabilità, che però anche altre auto possono offrire, ma soprattutto per l’incredibile potenziale che offre in più. E mi sono talmente appassionato che per me è la Defender è diventata uno stile di vita”. Antonio ha persino scritto un libro che si intitola “Io e il mio Defender”.


La nuova Defender è un’auto trasversale perché è tanto performante in tutte le occasioni che la vedono marciare sulle strade comuni quanto nelle situazioni in cui si devono pretendere da un veicolo delle doti che lo rendano sicuro e performante quando le strade comuni non sono.

A differenza di altri modelli di auto tipicamente nate per il fuoristrada, dove le capacità del pilota fanno la differenza nel superare le avversità, la nuova Defender porta in sé accorgimenti e tecnologie tali per cui la vettura, da sola, è in grado di andare “oltre”, pertanto è nata l’esigenza di creare una nuova consapevolezza che deve essere percepita. Oggi l’automobile riesce ad arrivare anche oltre le competenze del pilota, quindi è il pilota che deve comprendere a pieno le potenzialità del veicolo per assecondarlo e guidarlo, nella massima sicurezza, nel superamento degli ostacoli.

Ed è proprio per creare questa consapevolezza delle caratteristiche e delle potenzialità della Land Rover più iconica, attraverso eventi, raduni e formazione, che è nato il New Defender Best Club Italia. Il club oggi conta una cinquantina di soci sparsi in tutta Italia e ha ottenuto il placet dei responsabili di Jaguar Land Rover Italia.

<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>

Mauro Teti

Antonio ha coinvolto, al momento della fondazione, alcuni altri “enthusiast” con cui era maggiormente in contatto, primo fra tutti Mauro Teti, istruttore FIF e, quindi, trait d’union con la Federazione; e poi Francesco Salvaggio, in arte Franckreporter, che è uno degli ambassador di Land Rover a livello nazionale; Eleonora Parnanzini, direttore vendite della concessionaria Land Rover Progetto Auto di Pescara (di cui Finocchi è ambassador).

Data la volontà di essere informativi e formativi nei confronti dei possessori della nuova Defender, i responsabili del club si sono dotati di un sito web (www.newdefenderbestclub.it), di una rivista intitolata “Fango” e naturalmente sono presenti e attivi su Facebook e YouTube.

Dopo i primi mesi nei quali si sono stabilite alcune strategie di massima, il direttivo ha deciso di organizzare un evento, denominato EventoZERO, presso la caserma del 6° Reggimento Alpini di Brunico, al comando del colonnello Italo Spini.

Non è stato un evento formativo né turistico, non un’iniziativa per mettersi alla prova bensì un momento per condividere passione, convivialità, tecniche e consapevolezza.

L’incontro si è svolto dapprima all’interno della caserma dove i soci hanno potuto apprendere delle nozioni specifiche sul comportamento in off road della nuova Defender, soprattutto in merito ai settaggi delle varie funzioni tecnologiche di cui è dotata la vettura, in modo da essere sempre pronti a destreggiarsi e acquisire dimestichezza e sicurezza in ogni occasione.

Successivamente ci si è spostati all’interno del campo di addestramento dove, in compagnia degli esperti istruttori militari specializzati nella formazione fuoristradistica del personale dell’esercito (e non solo), ci si è potuti mettere alla prova con ostacoli dapprima più semplici per poi affrontare percorsi sempre più ardui e con difficoltà tecniche e naturali diverse.

Il campo messo a disposizione, infatti, comprende una moltitudine di situazioni artificiali e naturali che consentono, nella massima sicurezza e senza danneggiare le vetture, di mettere alla prova tanto le vetture quanto i conducenti per predisporli a “sentire” fisicamente cosa succede prima, durante e dopo il superamento degli ostacoli, in modo da mantenerne memoria quando, in altre occasioni, si dovessero presentare situazioni analoghe.

Un evento, però, non deve essere solo tecnico, anche se le ore trascorse a bordo delle vetture sono state davvero tante. Deve racchiudere anche convivialità, trasferimento di esperienze, confronto. E le occasioni per parlare non sono mancate, di fronte ai piatti tipici della cucina trentina piuttosto che durante una passeggiata rilassante con un aperitivo.

EventoZERO ha segnato una tappa fondamentale per il New Defender Best Club Italia, innanzitutto per l’ottima riuscita, per il contesto al quale si è potuti accedere e, non meno importante, per la soddisfazione generale espressa da tutti i partecipanti. EventoZERO ha saputo coniugare entusiasmo, passione, tecnica e convivialità come nemmeno gli stessi organizzatori si aspettavano.

Cosa attende i soci in futuro? “Innanzi tutto l’organizzazione di un corso per l’acquisizione del Primo Brevetto di guida sicura in fuoristrada rilasciato dalla Scuola Federale della Federazione Italiana Fuoristrada e poi la partecipazione alla Fiera Internazionale Fuoristrada che si svolgerà a Viareggio dal 30 settembre al 2 ottobre” dice il presidente Antonio Finocchi. “Ma c’è ancora tanto altro, che annunceremo a breve, perché è nostra intenzione mettere in campo eventi che coniughino la vettura, i percorsi, la consapevolezza insieme a momenti culturali e situazioni lifestyle”.

© 4×4 Magazine – RIPRODUZIONE RISERVATA

Rimani aggiornato sul mondo 4x4!

<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>