<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>

Grazie alla preparazione completa e qualitativamente al top effettuata dall’azienda aquilana, questa 125 si dimostra una delle 4×4 che meglio abbinano le doti di guidabilità e comfort su strada alle capacità nell’off road anche duro

Testo e foto di Francesco Fatichenti

I PRO
– Motore brillante
– Assetto valido e versatile
– Abitacolo comodo e lussuoso

I CONTRO
– Precoce usura scatola sterzo in fuoristrada

Prodotta dal 2002 al 2009, la serie 120 della Land Cruiser, discendente diretta della capostipite della gamma Land Cruiser, è uno dei modelli più versatili prodotti dalla Toyota e ha dimostrato negli anni di aver mantenuto le caratteristiche fondamentali del marchio come l’elevata qualità costruttiva, l’affidabilità, le notevoli capacità in fuoristrada unite a una pregevole guidabilità su strada.

L’aquilano Tony Lepidi, che ha un’attività di vendita e riparazione di macchine agricole, è un fuoristradista che in passato ha corso con una Suzukina e un Mitsubishi Pajero, ma la 4×4 che da sempre voleva era una Toyota. Perciò, quando un suo amico ha deciso di vendere la 125 che vedete nelle foto, già preparata in modo completo dalla Totani, Tony non si è lasciato sfuggire l’occasione di farla sua. Ed è soddisfatissimo di come la vettura si comporta in ogni situazione: dall’asfalto allo sterrato al trial impegnativo, Tony non la risparmia, soprattutto in occasione di raduni ed escursioni.

Questa Land Cruiser in effetti è equipaggiata con una serie di soluzioni che, senza snaturare la carrozzeria, permettono di affrontare con grande efficacia e senza far danni anche l’off road impegnativo.

Il motore turbodiesel 3.0 D-4D, già generoso di suo con i suoi 163 cavalli, è stato potenziato fino ad erogare circa 200 cavalli con l’adozione di una centralina elettronica aggiuntiva e uno scarico Tecinox in acciaio inossidabile completamente libero. La coppia a disposizione ora è davvero tanta e subito disponibile, e già da sola aiuta a trarsi d’impaccio dalla maggior parte delle situazioni più difficili in fuoristrada.

L’aspirazione dell’aria è stata prolungata montando uno snorkel della Safari, accessorio immancabile su un veicolo preparato per il fuoristrada.

Le sospensioni sono state rialzate di 5 cm grazie a 4 molle e 4 ammortizzatori prodotti dalla ORAM. Gli ammortizzatori, a gas con serbatoio separato, sono gli Step 3 dell’azienda milanese, con possibilità di regolazione in compressione. Quest’ultima caratteristica permette di adattare l’assetto alle differenti situazioni di utilizzo (sterrato veloce o trial), mantenendo sempre elevate la guidabilità e la stabilità, esaltando così la polivalenza della vettura.

La trasmissione, che di serie prevede la trazione integrale permanente con i differenziali anteriore e posteriore bloccabili manualmente al 100%, è rimasta di serie.

<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>

Sono stati mantenuti entrambi i paraurti originali. Molto ben incassato dietro il paraurti anteriore troviamo un verricello elettrico Warn VR Evo 12-S da 5,4 tonnellate, caricato con cavo tessile.

I sottoporta sono protetti da pedane in acciaio a sezione quadrangolare realizzate da Brunatti, che fungono anche da serbatoi per l’aria compressa.

Una serie di piastre di duralluminio spesso 8 mm protegge tutto il sottoscocca, dal paraurti anteriore fino al riduttore compreso, nonché il serbatoio del carburante.

La vettura è dotata di un comodo impianto per produrre aria compressa che, oltre ai già citati serbatoi/pedane, include un compressore bicilindrico ARB posto nel vano motore e 3 punti di attacco (uno frontale nel vano motore, uno sotto il sedile del passeggero anteriore e uno nel bagagliaio).

L’elegante quanto comodo abitacolo della 125 è rimasto praticamente invariato. Da segnalare è solo l’aggiunta degli interruttori per disattivare l’ABS, per i due fari supplementari frontali (non montati al momento della nostra prova) e per accendere il compressore dell’aria.

Da segnalare, infine, la simpatica (e oltre che protetta) posizione in cui è stato collocato il faretto a LED di retromarcia: al centro della ruota di scorta.

IL PREPARATORE
TOTANI OFF ROAD TECHNOLOGIES
Strada Statale 615 per Pianola
67100 L’Aquila
TEL.: 0862-410230
WEB: www.totani.it
MAIL:info@totani.it


MODIFICHE E COSTI

Centralina aggiuntiva motore – 1.200 euro
Scarico completo Tecinox – 1.600 euro
Snorkel Safari – 380 euro
Kit rialzo assetto +5 cm (include 4 molle ORAM e 4 ammortizzatori a gas ORAM Step 3 regolabili in compressione) – 3.400 euro
Cerchi in lega Braid FullRace 7.5×17″ ET +10 (5) – 1.900 euro
Pneumatici BFGoodrich All Terrain 265/70 R 17 (5) – 1.250 euro
Protezioni sottoscocca Duralblock in duralluminio 8 mm – 874 euro
Verricello Warn VR Evo 12-S da 5.443 kg con cavo tessile – 1.400 euro
Impianto aria compressa (include compressore bicilindrico ARB, serbatoio da 7,5 litri, pressostato Viair) – 790 euro

Prezzi IVA inclusa, manodopera esclusa

© 4×4 Magazine – RIPRODUZIONE RISERVATA

Rimani aggiornato sul mondo 4x4!

<script async src=”https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js?client=ca-pub-3333960541609919″
crossorigin=”anonymous”></script>